Home
La sezione
News dalle Commissioni
Programma uscite
Avvisi
Eventi
Corsi
Progetti
Rifugio
Coro "Terra Majura"
Scuola di Escursionismo
Links
Contatti
Photogallery
Videogallery
Biblioteca
Assicurazione
Partner
top avvisi
rivista Lo Scarpone
bottom calendario
top avvisi
Scuola Intersezionale G. Vagniluca
bottom calendario
top calendario
bottom calendario
top calendario
Dicembre 2017
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do
 
 
 
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
bottom calendario
top photo
Majellando 2017
Majellando 2017
bottom galleria foto
top video
immagine video
play video
bottom video
Progetti
CONTRATTI DI FIUME
La Commissione TAM
CONTRATTI  DI FIUME

I "Contratti di Fiume" sono strumenti che permettono di adottare un sistema di regole in cui i criteri di utilità pubblica, rendimento economico, valore sociale, sostenibilità ambientale intervengono in modo paritario nella ricerca di soluzioni efficaci per la riqualificazione di un bacino fluviale.
La condivisione degli obiettivi rappresenta un primo passo per la razionalizzazione del processo di riqualificazione del bacino fluviale sviluppato tramite una pianificazione strategica e partecipata: per giungere alla sottoscrizione del Contratto di fiume si prevede l'attivazione di un processo partecipato.

 

La Provincia di Terni nel 2010 ha attivato un percorso partecipato verso un Contratto del Fiume Nera, cui hanno aderito Enti, Agenzie, Associazioni, Scuole, Imprese-Aziende e cittadini.

 

La Commissione TAM ha aderito al contratto, partecipando a molti incontri, per poi assumere una posizione riguardo al tema.

 

Alcune riflessioni

 

La commissione TAM partecipa con piacere a questo percorso collettivo di ricognizione del territorio e di condivisione del sapere che giudichiamo utile e interessante e concordiamo sulla metodologia  visto che anche noi, durante il nostro trekking “alla ricerca del fiume”,  abbiamo esaminato  emergenze e punti critici per arrivare ad una proposta di “fruizione del fiume consapevole e lenta”.

 

Sicuramente lungo il percorso del fiume ci sono numerose emergenze che sicuramente saranno evidenziate ed opportunamente valorizzate, ma non mancano le criticità: la qualità delle acque, nel tratto Terni-Narni,  ci sembra decisamente scadente e non paragonabile a quella del tratto superiore  per cui  riteniamo che un controllo più stretto dei vari impianti di depurazione industriale e civile che scaricano nel fiume sia opportuno  e necessario. Abbiamo notato anche l’abbandono in cui giacciono alcuni edifici che sorgono sulla riva del fiume o nelle sue immediate vicinanze, riteniamo che dovrebbero essere valorizzati o eliminati; segnaliamo la necessità di mettere in sicurezza il tratto da Treie a località Le Mole che consentirebbe di collegare il percorso lungo il fiume con la chiesa di S.Pudenziana,  la Torre di Bufone, il Lago di San Liberato e il punto di confluenza con il Tevere (evitando la zona industriale di Nera Montoro).  Sottolineiamo anche la difficoltà di camminare vicino al fiume, ma questo è accaduto lungo tutto il corso del fiume, poiché le aree di rispetto non sempre vengono garantite.

 

Condividiamo anche l’interesse nei confronti degli aspetti culturali e della tradizione locale con  il suo carico di storia e  leggende.  Anche noi infatti abbiamo cercato di avvicinarci per meglio cogliere opportunità  e  problematiche, questo è accaduto con l’Associazione Porto di Narni, approdo d’Europa a proposito  dell’affascinante ipotesi di cantiere navale di epoca romana nelle gole del Nera; a Sant’Anatolia di Narco con la gentilissima Marta che ci ha illustrato l’architettura del luogo ma anche alcune leggende che si sono tramandate nel corso dei secoli a proposito di draghi ed eremiti nei pressi dell’Abbazia di S.Felice; con gli abitanti del piccolo borgo di S.Lazzaro (Casali di Belforte) che non  si spiegano perché l’ex lebbrosario venga lasciato in stato di abbandono.

 

Quello che invece ci lascia perplessi è il modo in cui si pensa di rendere fruibile il fiume nel tratto attualmente in esame (S.Liberato- Narni): in particolare non ravvisiamo la necessità di installare costosi impianti di illuminazione e, tantomeno,   sofisticate e poco utili, se non addirittura  dannose, pavimentazioni visto che con una qualsiasi mountain bike ed una lampada frontale è già possibile percorrere tutto il tratto senza bisogno di artifici.

 

Quello che noi riteniamo importante è il mantenimento del tratto dismesso della ferrovia Roma-Ancona e della sterrata sottostante, nel senso di evitare l’utilizzo di quell’area per scopi diversi dalla semplice possibilità di passaggio e affaccio sul Nera e più che una super-pista ciclabile nel tratto Montoro-Ponte d’Augusto a noi piacerebbe che fosse possibile percorrere in sicurezza, e lungo il fiume, il tratto dal Ponte  d’Augusto al Parco dei Laghi per proseguire fino al Parco Fluviale Urbano di Terni e poi da Vocabolo Staino a Cervara-Ponte del Toro per il collegamento con la cascata delle Marmore da cui è già possibile seguire il corso del fiume fino alla confluenza del Corno con il Nera a Triponzo e da lì fino a S.Lazzaro per giungere alle sorgenti attraverso le Gole di Visso.

 

Questa è la nostra idea di valorizzazione del fiume.

 

La commissione TAM, crede che le aziende che sfruttano l’acqua del fiume per la produzione di energia o per altri scopi potrebbero e dovrebbero, come accade altrove,  reinvestire risorse importanti per la conservazione del fiume e del suo territorio, risorse che potrebbero essere utilizzate per creare questo percorso paesaggistico intorno al fiume.

 

Siamo dell’avviso che la Provincia sia l’istituzione più idonea a vigilare sul complesso intreccio fra la dimensione paesaggistica e le dinamiche evolutive del territorio contemporaneo poiché ha una visione d’insieme del territorio,  e a dare impulso a questo progetto complessivo unitamente alla Provincia di Perugia e a quella di Macerata ed alle rispettive Regioni, senza tralasciare i Comuni che potrebbero trarre un vantaggio diretto da questa forma di turismo consapevole.

 

 

 

Commissione TAM del CAI di Terni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

top avvisi
Sottosezione di Orvieto
bottom avvisi
top avvisi
INDIRIZZI E NORME COMPORTAMENTALI DEI DIRETTORI DI ESCURSIONE E SOCI
C. Escurs. e C. Direttivo
prenotazioni e riunioni preliminari, spese di viaggio, sito, ecc
LA FIGURA DEL CAPOGITA NELLE GITE SOCIALI DEL CAI - G.R. CAI LIGURIA -
Atti del convegno di informazione e studio
Circolare n. 4/2017 PROFILO ONLINE DEL SOCIO
dal 6 marzo 2017
modificare in autonomia alcuni dati personali
MODULO PER PROPOSTA DI ESCURSIONE
INVIARE ENTRO IL 30 SETTEMBRE 2017
scaricare il modulo compilare e spedire alla email cai.terni@libero.it
CONVENZIONI 2018
gli sconti per i soci
gli sconti per i soci
TESSERAMENTO 2018 ORARI APERTURA SEDE PER RINNOVO
molto più veloce per il rinnovo non occorre compilare nessun modulo
bottom avvisi
top eventi
PRANZO SOCIALE 2017
PRANZO SOCIALE 2017
bottom eventi
top
SASU
bottom
top sponsor
bottom sponsor